mercoledì 16 novembre 2016

Le mie paure

Scrivo sempre piu raramente e non seguo più nessuno.
E' un blog ormai abbandonato a se stesso.

E' un blog diventato come il suo padrone, o forse è il suo padrone che è diventato come il suo blog.
Oppure vanno di pari passo.
Diario di un single ha cambiato più volte identità, cercando di denigrare donne o ridendo sulle sfighe in amore, ma questa volta si sta lasciando andare.
Non ho più interessi a parte quella del ciclismo.
Evito amici, pochi, non esco e non ho vita sociale.
Bici, lavoro e divano.
L'amore è sempre stato importante nella mia vita, ho pianto su stupide commedie a lieto fine immedesimandomi in storie che non potevo avere.
Ho perso la voglia di guardarmi dentro, ho perso la voglia di cercare e di tentare nuove situazioni, ho perso la voglia di uscire con amici.
Si dovrebbe chiamare depressione, ma la mia depressione, per chi mi conosce sempre allegro e con la battuta pronta è rivolta solo a questo stupido idiota e bastardo amore.
Mi siete stati vicini, ho avuto amici che mi presentavano donne che non riuscivano a trovare l'amore e che sono ancora single, e mi avete sempre supportato.
La verità è che non mi importa più nulla, che non me ne frega un cazzo di trovare una donna che ha voglia solo di scopare, che non me ne frega un cazzo di vedere e sentire mamme single che hanno avuto i loro tzunami amorosi e con i loro super poteri mandano a cagare ogni essere maschile di cazzo dotato.
La verità è che mi sono rotto il cazzo del 99,9% delle persone.
Mi sento terribilmente solo e triste.
Mi manca un pensiero, reale, tangibile, una carezza, una persona a casa che mi aspetta, la telefonata di una donna che mi piace l'ebrezza di vedere quel numero di telefono comparire sullo schermo del mio cellulare.
Invece vengo chiamato solo ed esclusivamente quando serve, quando serve una foto, quando serve un consiglio su un dispositivo elettronico o quando non hanno un cazzo da fare.
Mi sono sentito inadeguato, basso, brutto a volte noioso scontato e monotono, mi sono sentito messo da parte per altri uomini che hanno vinto la personale battaglia per una determinata donna.
Mi sono sempre sentito sbagliato dopo un due di picche.
Sei mai stato contraccambiato in amore? No.
E' triste da dire, ma è realmente cosi.
Quelle rare volte che era un vediamo come va, non è andata oltre i due mesi per uscirne con i pezzi in mano e ricompormi ancora per un successivo no. Se andava bene era un no immediato, altrimenti si ripeteva la trafila.
Ecco, in questi tre anni di blog mi sono sempre sentito cosi ma non ho mai mollato.
E' difficile essere sicuri di se cosi, molto difficile.
Quaranta anni, cristo quaranta ed il week end raggiungo i miei per godere ancora dei loro visi, della loro allegria e per non perdermi neanche un momento, perché loro sono quanto mi rimane di affetto.
Sono semplicemente stanco e piano piano come una candela di cera bianca brucio portando con me il dolore di un amore che non riuscirò mai a percepire.

 


10 commenti:

  1. Guarda, nelle tue parole mi ci ritrovo, a modo mio.
    Anche io mai ricambiato in amore, mai avuto una storia davvero travolgente, potrei essere io quello che descrivi.
    Ma non sempre, non m'arrendo, anche io aspetto numeri sul display e non solo se serve qualcosa.
    Però dai, magari la stai (stiamo?) vedendo troppo in negativo e nella vita qualcosa di bello -senza impegno, soprattutto- c'è sempre.
    Hai citato i visi dei tuoi genitori: hai detto niente.
    E da qui si riparte, in sella a una bici o a piedi :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. ha ragione Miki, non è facile per nessuno.Sono molto più grande di te, ed ho avuto non porte ma portoni sbattuti sul muso...non devi cercarlo l'amore, quello arriva quando meno te l' aspetti, può sembrare banale ma è vero.Mentre invece dovresti cambiare l'angolazione del punto in cui guardi la tua vita, che non è per niente terribile, riflettici e poi mi permetto, perché ne parli tu, di pensare che forse sei depresso e tutto sia un alibi, inconscio sicuramente.Allora fatti aiutare, ma non sprecare la tua vita, alla ricerca di qualcosa che forse non vuoi davvero.
    adesso, vista l'ora, la mia insonnia, ti concedo di mandarmi a quel paese...
    buinanotte ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, speriamo che il quando meno te l'aspetti arrivi presto, spero, forse.

      Elimina
  3. Forse il segreto è non porsi obiettivi, non puntare sempre al top. In primis accettarsi e raccogliere le sfide della vita. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Io credo che per prima cosa tu debba imparare a bastare a te stesso ed essere felice e appagato con te stesso. E non cercare la meta, la risoluzione, la panacea ha paure e insicurezze in un'altra persona. O per lo meno è stato dopo aver fatto questo passo che io ho trovato l'amore. È come se lui arrivasse nel momento in cui, fondamentalmente, non ne hai bisogno. Perché è in quel momento che è qualcosa di "vero" e non qualcosa che va a colmare un vuoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quello non mi arriva mai, grazie Mareva, sempre profonda.

      Elimina
  5. C'è sempre qualcuno per noi.
    È più si cerca, più si allontana da noi.
    Sono sempre stata una sfigata epocale in questo campo, credimi.
    Ma quando ho smesso di aspettare ed ho iniziato a "farmi i fatti miei", eccolo che arriva.
    Arriva sempre.

    Ps: sono Misantrophia, non so se ti ricordi di me.

    RispondiElimina