mercoledì 28 giugno 2017

Aggiornamenti

Altro post su Facebook di I.
Ancora una volta fa presente che lei ha il ragazzo.
Tengo spento il telefono appositamente per evitare rotture di coglioni e gastriti.
Accendo, mi arriva un suo messaggio, informazioni su come fare le foto come una certa tizia di un certo account Instagram, mi chiede come fare.

Leggo il messaggio, spengo il telefono.
Arrivo a casa dopo l'ufficio, poso il Mac, tolgo le scarpe e mi spoglio per entrare in doccia, nel mentre, accendo il telefono.
Altro messaggio di I che fa una battuta vedendo la famosa spunta azzurra senza risposta che fa molto incazzare le donne.
Rispondo semplicemente: Non so aiutarti.
Mi scrive che mi "sente" strano che generalmente sono molto tecnico sulla fotografia.
Le scrivo che ci sono persone più competenti su Photo4u, di iscriversi e fare tutte le domande che vuole.

Mi chiama.
Non rispondo, anche perché se rispondessi, va a finire male, buon viso a cattivo gioco proprio non è da me.
Sono diretto e molto incisivo, troppo incisivo ed in quel momento incazzato.

Mi scrive ancora, mi sente strane, mi chiede che succede.
Le scrivo che non ho tempo per stare al telefono, sono di fretta, devo uscire a cena. La saluto.
Lancio il telefono sul divano con allegata una madonna, accendo i fornelli e mi preparo un Sofficino di merda che ho pure bruciato.

Il consulente informatico, fotografo, il tuttologo, lo vada a far fare al suo cazzo di ragazzo di cui non sa neanche l'età.
Comportato come un bambino?
Si forse, ma sinceramente non ho più voglia di essere pigliato per il culo, di essere il bravo ragazzo sempre disponibile, di essere la sua ruota di scorta quando non la caga più nessuno.
Li, in quel posto, su quella moto del cazzo potevo benissimo esserci io con dietro lei visto la faccia di minchia del suo attuale Teddy Bear.

9 commenti:

  1. Il mondo dei sofficini di merda bruciati aspetta tutti...

    RispondiElimina
  2. Caro Tris,

    dalla tua descrizione è sempre più palese una friendzone.

    Per cui prendi in mano la partita.

    Dichiarale i tuoi sentimenti, perché mi sembra di capire che la storia con questo tizio qui non ha molto peso.

    Se poi lei rifiuta, dille che non te la senti di proseguire più il rapporto d'amicizia. E' un tuo diritto cessarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è ancora convinta di avere 14 anni e che la limonata del mare porti automaticamente al matrimonio.

      Elimina
  3. Ma soprattutto DILLE CHIARAMENTE cosa pensi: molte volte si dà per scontato che gli altri dovrebbero capire cose, solo perché a NOI sembrano chiarissime. Ammettiamo invece per un attimo che la ragazza non abbia percepito il tuo interesse per lei e che pensi semplicemente che siete amici: come potrebbe spiegarsi il fatto che ti interessa la sua amicizia solo fintanto che è single e quindi una papabile partner per te? Cosa che tra l'altro sminuisce molto il valore che le dai come amica, messa in questi termini. Se invece da parte sua c'è stata intenzionalità nell'avere un atteggiamento ambiguo, allora è bene che sappia che il giochino è finito, ma che lo sappia senza ombra di dubbi, non che debba evincerlo dal fatto che una sera non le rispondi ai messaggi o fai l'offeso, che sì, potrebbe essere per questo o anche boh. Senza contare il fatto che staresti molto meglio anche tu invece di tenertelo dentro e darti alle rappresaglie. Tanto cosa hai da perdere? Se è comunque un'amicizia destinata a finire tanto vale togliersi il sasso dalla scarpa, viceversa darai a entrambi un'opportunità di capire quanto vi interessa mantenere un qualsiasi tipo di rapporto senza farvi il sangue amaro con i malintesi. Scusa per il consiglio non richiesto ma ti assicuro che parlo per esperienza vissuta... siamo miliardi in questo mondo e ognuno ha un modo diverso di percepire le cose, per questo l'unico sistema per capire se vale la pena arrabbiarsi o sbattersi per qualcuno è il confronto diretto, il quale ti eviterà anche inutili mal di pancia e varie sessioni di smadonnamento :)
    V.

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene! Buoni sì, coglioni no!

    RispondiElimina