domenica 4 novembre 2018

Rieccomi

Era da un po di tempo che non scrivevo su questo blog. Logico, non avevo più bisogno della mia valvola di sfogo.

Questo posto virtuale, questo diario, era, anzi è per me un salotto dove incontrare persone virtuali, dove potevo parlare liberamente di quello che mi veniva in mente.
Prendiamo lei l'argomento principale di questo ultimo periodo, settimana prossima facciamo un anno esatto dalla prima volta che siamo usciti insieme, un anno.
Un anno che avete vissuto con me nei momenti bui, nei momenti tristi, un anno che è stato da una parte difficile, dall'altra molto bello.
Ieri siamo usciti a cena da amici, il gruppo di ciclisti, cena in cui sono scorsi fiumi di vino.
Lei ha bevuto parecchio, le piace il buon vino, le piace bere ogni tanto avendo anche fatto diversi corsi da sommelier.
Ha esagerato, troppo secondo me, ieri mi dava fastidio la sua voce stridula nelle mie orecchie, i suoi acuti a voce altissima che mi hanno fatto venire il mal di testa, ieri mi ha dato fastidio il suo modo di fare, mai controllato, sempre tendende all'esagerazione in tutto.
Nel bere, negli atteggiamenti, nel tono di voce, nel suo parlare gridato.
Ieri mi dava fastidio lei.
Sono arrivato a casa nervoso, le ho risposto con battute pungenti, che hanno fatto ridere gli altri ma che hanno colpito lei, il problema è che quando le facevo ricevevo con gli occhi approvazione.
Lei è esagerata, troppo esagerata per il mio modo di fare troppo calmo, per il mio modo di essere presente ma quasi invisibile.
Siamo due opposti, totali opposti, che alla fine fanno un equilibrio ma che danneggiano me, portandomi alle volte all'esaurimento delle batterie.
Appena arrivati a casa mi ha mandato un messaggio, dicendo che il mio comportamento non le era piaciuto. Mi sento giudicata da te, mi da fastidio, mi mette a disagio, Davvero a volte non capisco cosa tu voglia da me.
Alle volte non lo capisco neanche io cosa voglio da lei.
E' difficile, i suoi amici mi dicono come faccio a rimanere con lei. per il suo carattere, come faccio a sopportarla.
Alle volte vorrei non vederla per una settimana, eppure so che questa sera sarò ancora da lei ad incastrare i nostri corpi.

6 commenti:

  1. Sono contento di risentirti :),
    A questo punto non vogliono dire nulla né il fatto che siate opposti caratterialmente né una serata in cui le cose non sono andate bene.
    Direi che l'intesa c'è, vi piacete, per cui se son rose continueranno a fiorire.

    RispondiElimina
  2. Bentornato: beh, è chiaro, te la vuoi solo continuare a scopà^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Brutto segnale, il fatto che ti infastidisca il suo atteggiamento. Non puoi sperare che cambi, forse ti stai accontentando?

    RispondiElimina
  4. Comunque se ti consola credo che tutti un po' mal sopportiamo alcuni aspetti del partner. Anche io in alcuni momenti vorrei strozzarlo, penso anche lui a me, però io sono sicura del mio sentimento per lui e lui di quello per me. Non troverai mai una persona che sia perfettamente come piace a te, poi però ovviamente solo tu sai che cosa significhi per te non sopportarla e quanto queste differenze di carattere siano per te un ostacolo. Facci sapere, non sparire di nuovo :D

    RispondiElimina
  5. Viva il buon vino ora e sempre. C'è chi si abbiocca e barcolla, come me, e chi va su di giri. Pure io e il soggetto che frequento siamo opposti per certi versi (io flemmatica, pigra all'ennesima potenza e ci tengo a un certo ordine domestico, lui sportivo, incapace di crogiolarsi in casa e solo poco meno disordinato di mio figlio) e con le volte che avrei voluto strozzarlo dovrebbe essere già morto. Tuttavia, ai momenti no seguono momenti sì (e meno male). Se anche tra voi c'è questa successione, c'è ancora speranza...

    RispondiElimina